Inaugurazione 22 Marzo dalle ore 18,30

sarà presente l'artista

Con la partecipazione di AZIMUT Capital Management

 

Dal Kaos primordiale, luogo metafisico primigenio, fino alla creazione dell’Universo e alla rappresentazione della materia nelle sue molteplici manifestazioni: questo il tema trasversale del percorso artistico di Silvia Della Rocca che vuole catturare nella forma materica la natura ancestrale del mondo e l'essenza simbolica dei suoi Elementi.

Un viaggio catartico attraverso le forme metafisiche ed empiriche del mondo, che si plasmano nella fisicità dinamica della materia e nelle sue molteplici espressioni cromatiche.

 

Metafore visuali, che prendono forma nella solidità tridimensionale delle opere e attraverso elementi simbolici come le Cosmic Eggs, che riconducono al mito cosmogonico della creazione dell'Universo e al mistero biologico dell’origine dell’essere; e gli Skulls, i teschi che nelle civiltà antiche rappresentavano la trasmutazione interiore, una morte simbolica che conduce alla rinascita spirituale.

 

“Sento la materia che si plasma tra le mie mani, pensieri ed emozioni prendono forma tra tavolozze di legno e colori, sperimentando che l'arte, in ogni sua forma, è la manifestazione della nostra anima, della nostra “essenza”

Così Silvia descrive il suo modo di dipingere e di dare forma alle sue opere, con pennelli, scalpelli e spesso solo le mani, lavorando ed assemblando elementi diversi come legno, gesso, schiuma poliuretanica, reti metalliche, sabbie, glitter, vetri ed elementi della quotidianità come carta stagnola, pellicola, iuta, polistirolo e molto altro ancora; trasformando la materia e rendendola viva attraverso le forme, i colori e i riflessi del mondo che la circonda.

“Indagatrice e padrona di un linguaggio universale che le viene suggerito o forse sussurrato. Silvia Della Rocca nelle sue opere si fa portavoce delle origini di antichissime civiltà e dei loro miti, attingendo al pianeta come fonte di ispirazione. Attraversa percorsi di osservazione e ascolto con straordinaria intuizione e porta alla luce quadri e sculture che appaiono tessere di un antichissimo territorio primordiale, emozionante ed elaboratissime opere dettate da sensibile raffinatezza. Silvia comunica con il mondo antico e mistico promuovendo così un'archeologia spirituale fatta di magia e senso della vita.”

Daniela Accorsi - gallerista e curatrice

 

Bio:

SILVIA DELLA ROCCA

Giornalista, scrittrice, videomaker, autrice e regista di format tv e documentari.

Da qualche anno si dedica alla sperimentazione di nuove forme di arte materica, da cui nasce Genesis, un progetto in continua evoluzione dove l'artista esprime la sua creatività attraverso la ricerca e l'utilizzo di nuovi materiali e tecniche pittoriche miste, al fine di emozionare esteticamente lo spettatore attraverso i colori e le forme con cui plasma la materia.

Anche nel del suo romanzo L'isola di Aral, Silvia affida a un personaggio eclettico, un pittore hippie, la sua passione per l'arte materica, descrivendone ogni gesto pittorico, ogni emozioni che l'uomo riversa sulle tele seguendo i moti dell'anima.

 

ESPOSIZIONI

San Salvario District – Torino 2017

Paratissima – Torino 2017

Personale presso Galleria AccorsiArte – Venezia 2018

Open District – Torino 2018

 

PUBBLICAZIONI:

“L'isola di Aral” Casa Editrice Polaris - 2016

“GENESIS”

by

Silvia della Rocca

BEL3
MAGMA
HORUS
BLUE MOON
EGGS
silvia della rocca genesis